A Proposito di... Emozioni imprevedibili! - Umane Risorse - Umane Risorse

Vai ai contenuti

A Proposito di... Emozioni imprevedibili!

Umane Risorse
Pubblicato da in Condivisioni ·
Tags: A_proposito_di...Emozioni
A scuola, tantissimi, ma veramente tanti anni fa, mi colpì profondamente la descrizione che Proust faceva delle "petites madeleines" e della potenza evocativa delle percezioni, in quel caso soprattutto gustative, in grado di far riemergere ricordi apparentemente dimenticati nel profondo di sè...
Bene, qualche mattina fa ne ho avuta l'ennesima prova...
Stavo andando alla biblioteca comunale a restituire il libro di Marion Milner quando, varcato il cancello, inaspettatamente mi sono trovata intorno non so quante classi di scuola materna tutte insieme... un tappeto incredibile di bimbetti come non ne ho mai visti in vita mia, un brulicare di sorrisi, gridolini, manine che si agitavano, vestitini colorati, treccine e ciuffi di tutte le sfumature possibili ed ho sentito un tuffo al cuore, mi si è fermato il respiro per un attimo e mi sono sentita invadere da un'emozione di gioia e meraviglia profonda che ho sentito arrivare da lontanissimo dentro di me...
E poi ecco il ricordo farsi strada con una chiarezza incredibile... è stata la stessa emozioni che ho provato da bambina (non ricordo quanto piccola) quando entrando nell'aia del fattore che curava le terre di mio zio, mi sono trovata all'improvviso in mezzo ad un mare sconfinato di pulcini gialli, piccoli, arruffati, morbidi, e il loro pigolare all'unisono mi ha riempito le orecchie, gli occhi si sono riempiti di quel mare giallo dalle sfumature biancastre, che è rimasto impresso in me in modo indelebile...
Ho risentito sotto le dita la morbidezza di quelle piume, che ricordo di aver appena sfiorato, mentre accarezzavo qualcuna di quelle testoline intorno a me per farmi strada... e, vi giuro, è stata un'emozione incredibile proprio perchè imprevista...
Avrei voluto abbracciarli tutti come quel lontano giorno avrei voluto riempirmi le braccia di quei pigolanti batuffoli gialli mentre lacrime di una ebrezza indescrivibile mi annebbiavano gli occhi...
E oggi, nel qui-e-ora, mi trovo a pensare per l'ennesima volta che la vita è meravigliosa e che sono felice di sentire, immutata dentro di me, l'emozionante capacità di meravigliarmi quando meno me lo aspetto...
Buona meraviglia a tutti!



Nessun commento


Torna ai contenuti