Introduzione all'area Formazione - Umane Risorse

Vai ai contenuti
OMAGGIO AD UN GRANDE MAESTRO

Alberto Manzi (1924 – 1997) è stato un docente, pedagogista, personaggio televisivo e scrittore italiano, noto principalmente per aver condotto la fortunata trasmissione televisiva "Non è mai troppo tardi", messa in onda dalla RAI fra il 1960 e il 1968, il cui successo fu tale che, successivamente, venne riprodotta all'estero in ben 72 Paesi, e riuscí a far prendere a quasi un milione e mezzo di italiani la licenza elementare.

Nel 1981, allorché si rifiutò di redigere le appena introdotte "schede di valutazione", che la riforma della scuola aveva messo al posto della pagella, Manzi si rifiutò di riempirle perché, disse: «non posso bollare un ragazzo con un giudizio, perché il ragazzo cambia, è in movimento; se il prossimo anno uno legge il giudizio che ho dato quest'anno, l'abbiamo bollato per i prossimi anni». Costretto a dare un giudizio e a redigere le schede di valutazione, egli scrisse a fianco di ogni nominativo una frase che considero di grande ispirazione: "Fa quel che può e quel che non può non fa!"

Imparare durante tutto l'arco della vita significa darsi l'opportunità di crescere costantemente, aggiungendo valore a se stessi e agli altri intorno a noi. Il senso della frase di Alberto Manzi include, a mio parere, un concetto di rispetto dei ritmi di ognuno, dei modi in cui ognuno di noi apprende, delle risorse individuali e delle potenzialità. Il suo modo di insegnare equivaleva a coinvolgere le emozioni oltre che i pensieri. Per me, che da bambina lo guardavo rapita spiegare disegnando, è stato ed è a tutt'oggi un grande esempio da cui trarre ispirazione ogni volta che entro in un'aula.

In questa sezione troverete le mie proposte formative che spaziano in vari campi e sono svolte tutte in modalità esperienziale (30% teoria, 70% attività pratiche)
Torna ai contenuti